Smart City e Centri storici 02

Convegno Smart City e Centri storici

I primi di Aprile si è tenuto il convegno,a cui Apil ha concesso il patrocinio, “Smart city e Centri storici”, organizzato da Niteko in collaborazione con gli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri  della Provincia di Taranto. L’azienda Niteko Srl, produttrice di corpi illuminanti,  da sempre  sensibile al valore culturale  dell’illuminazione,  ha organizzato l’incontro in modo tale da creare l’occasione per  analizzare con  professionisti del settore lo scenario dell’illuminazione e delle tecnologie che possono essere utilizzate per permettere una migliore gestione ed un miglior controllo degli impianti di illuminazione pubblica. La Smart City deve rispondere a diverse esigenze della città e l’impianto di illuminazione assume un ruolo fondamentale anche come struttura di supporto per i servizi che possono essere svolti di telegestione, telecontrollo, connettività.

All’interno del seminario, grazie all’intervento dei vari relatori, è stata evidenziata la possibilità di creare un connubio tra innovazione tecnologica, tutela e valorizzazione del patrimonio artistico ed architettonico delle città, ponendo particolare attenzione al centro storico.

Smart City e Centri storici 02

Il convegno ha visto l’intervento dell’Architetto Antonella Marra, consigliere Apil, che durante  l’esposizione ha  sottolineato “l’importanza della giusta illuminazione, specificando come sia possibile riuscire ad illuminare bene una città ed il suo centro storico, attraverso un’accurata progettazione illuminotecnica, che può scaturire soltanto da un’attenta analisi del contesto storico, delle dinamiche della città, degli spazi, del tipo di illuminazione esistente, delle situazioni di luce, dei contrasti di luminanza e della percezione che gli abitanti hanno della propria città. Soltanto grazie a questa attenta analisi, si può riuscire con l’illuminazione a valorizzare e restituire il giusto valore agli spazi, alle strade, alle piazze, agli edifici storici, ai monumenti, contribuendo, in tal modo, alla riqualificazione, non soltanto energetica, ma anche architettonica ed artistica del centro storico e della città. Il tutto nel rispetto della normativa vigente, dei riferimenti normativi comunali, delle leggi regionali sull’illuminazione pubblica e sull’inquinamento luminoso e quant’altro necessario per ottenere una corretta illuminazione”.

Altro tema del convegno è stato quello dell’innovazione tecnologica. L’Ingegnere Alessandro Deodati, responsabile di ricerca e sviluppo della Niteko, durante il suo intervento ha illustrato il risultato di un innovativo progetto di ricerca dell’azienda e cioè l’utilizzo della fibra di carbonio nella realizzazione dei dissipatori termici degli apparecchi. Tale utilizzo permette di ottenere una notevole riduzione del peso dei corpi illuminanti e una maggiore flessibilità nella progettazione e realizzazione del design.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *