Grote Markt Anversa

La città di Anversa in Belgio quest’anno partecipa al premio City People Light Award. Il progetto con cui la Municipalità ha deciso di partecipare è quello della Piazza principale Grote Markt, del centro storico di Anversa   dominata dal Municipio.

Naturalmente il City People Light Award presenta anche una valutazione “popolare” che viene assegnata attraverso il sito del concorso: per chi volesse dare un voto al progetto del Grote Markt può cliccare sul seguente link e votare.

VOTA PER IL GROTE MARKT

Il progetto, a cura dello studio di Susanna Antico a Milano, rappresenta la prima grossa realizzazione, ad Anversa, di un progetto di illuminazione ambientale. Il progetto, infatti, si basa sul piano regolatore della  illuminazione che prevede l’utilizzo di livelli di illuminazione in sintonia tra  loro.

Ovvero dell’ illuminazione stradale di base, degli assi di comunicazione principali e quella architettonica dei piano  verticali.

Il progetto è interessante perché  è basato sui principi della percezione umana,  grazie ai quali è stato possibile mantenere  livelli di illuminamento bassi, lavorare sui contrasti e  ottenere un’atmosfera magicamente notturna ma al tempo stesso   invitante per coloro che amano passare  il tempo la sera o la notte negli spazi pubblici.

Sono stati illuminati circa 70 edifici, il municipio, le tre vie principali d’accesso alla piazza e la statua simbolo della città al centro della piazza. Gli apparecchi sono gestiti da un sistema di controllo  che permette di modulare l’illuminazione pedonale e  modularla  in presenza di luce architettonica verticale. Un progetto per  i cittadini e di forte  identità per l’immagine della città.

Dom Museum Florenz

Cari soci ed amici, abbiamo il  piacere di comunicarvi che il prestigioso Premio Codega 2016 è stato assegnato al progetto d’illuminazione realizzato per il Museo dell’Opera del Duomo di Firenze dal nostro socio Massimo Iarussi, premiato durante la cerimonia che  si è tenuta a Venezia presso la Collezione Peggy Guggenheim.

Dom Museum Florenz

Foto: Illuminazione del Museo dell’Opera di Firenze realizzato da Massimo Iarussi

Promosso da Assodel (Associazione Italiana Distretti Elettronica) in collaborazione con IDEA (International Distribution of Electronics Association) e con il patrocinio di APIL (Associazione Professionisti dell’Illuminazione), il premio promuove la corretta progettazione illuminotecnica e l’utilizzo dei LED e delle nuove tecnologie.

La luce, nella sua dimensione più innovativa e dinamica, è stata protagonista della serata veneziana valorizzando non soltanto gli aspetti di creatività e design, ma soprattutto la ricerca, l’adozione delle tecnologie più avanzate e i risultati di efficienza energetica.

Hanno fatto parte della Giuria di questa 4^ edizione, esperti del mondo dell’illuminazione tra cui la nostra associata Paola Urbano.  Oltre a Pola erano membri della giuria:

  • Domenico Caserta – Presidente Assodel
  • Stefano Catucci – Direttore Master Lighting Design Università La Sapienza di Roma
  • Gary Kibblewhite – Past president IDEA
  • Paul James – Editor di mondo*arc
  • Francesco Iannone – Lighting Designer
  • Massimo Malaguti – già Direttore Univeneto
  • Fabio Peron – Docente Università IUAV di Venezia
  • Maurizio Rossi – Direttore Master di Lighting Design & LED Technology del Politecnico Milano
codega awards

Premio codega: La giuria

Dunque, Il primo premio della categoria Lighting Designer è andato al progetto di illuminazione del Museo del Duomo di Firenze a cura dello Studio Massimo Iarussi: Un progetto curato e raffinato, che nella sua complessità valorizza molto bene sia le opere che gli spazi del museo. La luce viene impiegata come strumento di comunicazione e di coinvolgimento dei visitatori. Tecnicamente, un progetto ben eseguito, basato sulle migliori soluzioni esistenti e con una cura particolare per il tema della manutenzione.”

operadelduomo-08-143

Foto: Illuminazione del Museo dell’Opera di Firenze realizzato da Massimo Iarussi

Dom Museum Florenz

Foto: Illuminazione del Museo dell’Opera di Firenze realizzato da Massimo Iarussi

Al secondo posto, il progetto Bolon Eyewear di Pfarrè Lighting realizzato a Shangai e firmato da Gerd Pfarrè: Un progetto semplice, minimale, ma estremamente efficace! Un’interessante integrazione della luce negli arredi e nei materiali. Ogni elemento viene utilizzato per creare una complessa parete espositiva. I materiali giocano con la luce e gli occhiali vengono messi in evidenza con molta forza.”

Al terzo posto, lo splendido progetto Dreamy SPA di Simone Micheli Architectural Hero: Un progetto di illuminazione emozionale, ben realizzato e perfettamente integrato nell’ambiente. L’illuminazione viene usata per evidenziare i vari elementi di arredo, ma anche e soprattutto per creare atmosfere di comfort e di relax. La luce si fonde con l’acqua e gli spazi in un unico ambiente coinvolgente.”

Una menzione speciale, infine, per il progetto Avila Nightscape di Aureolighting, firmato da Rafael Gallego: “L’ampia portata del progetto insieme a tutti i suoi dettagli tecnici e l’ambito urbano del piano di illuminazione di Avila, ne fanno qualcosa di unico, difficilmente paragonabile con il restante dei progetti candidati. Tutto è studiano nei minimi particolari, con l’evidente obiettivo di valorizzare gli aspetti storico-culturali della città.”

Davvero una bella soddisfazione, bravo Massimo Iarussi!

Si è appena conclusa l’edizione  2016 della Design Week milanese, evento legato al Salone Internazionale del Mobile, che si svolge con cadenza annuale presso la Fiera di Milano.

Durante la settimana, si svolgono eventi Fuorisalone, esterni alla Fiera, e proprio in quest’occasione si è svolto il Codega International Lighting Design Prize Press Launch durante il quale è stata presentata l’edizione 2016 del Premio Codega, evento  promosso da Assodel (Associazione Italiana Distretti Elettronica) è un riconoscimento internazionale dedicato ai professionisti della luce, per soluzioni e realizzazioni di eccellenza basate sull’ uso intelligente ed integrato della tecnologia LED.

Alla serata d’inaugurazione era presente una delegazione di APIL, che come di consueto supporta l’iniziativa.

Si ricorda che nelle scorse edizioni, tra i vincitori e menzioni speciali , erano presenti alcuni nostri soci, tra questi Andrea Ingrosso dello Studio Ingrosso di Lecce  e Giovanni Liotta e Claudia Giacomobello dello studio Savetheclock di Milano, questi ultimi presenti tra i relatori della serata.

Qua sotto alcune immagini dell’evento del 14 aprile scorso:

codega party03

Giovanni Liotta racconta la sua esperienza al Codega 2015

codega party02

Susanna Antico e Paola Urbano, presidente APIL e membro del Consiglio Direttivo di APIL durante l’evento

codega party01 codega party04

Si ricorda infine che il Premio Codega è legato alla fiera Illuminotronica di Padova, e che quest’anno la serata di premiazione avrà luogo il 7 di ottobre presso la location d’eccezione del Peggy Guggenheim Collection di Venezia.

Riprenditi la Città Header

Il 15 dicembre scorso è stata presentata in Triennale la terza edizione del concorso video internazionale Riprenditi la città, Riprendi la luce”, rassegna di cortometraggi organizzata e promossa AIDI (Associazione Italiana di Illuminazione) in collaborazione con la Fondazione Triennale. Noi di APIL Associazione dei Professionisti dell’Illuminazione supportiamo l’iniziativa, come Associazione Partner dell’evento.

Il contest internazionale è rivolto a giovani under 30, il tema centrale è la luce negli spazi della città.

Nel video qua sotto l’intervento di Marinella Patetta, Consigliere APIL, durante l’evento di apertura, che spiega l’importanza della luce nella vita di tutti i giorni e di come la progettazione della luce sia fondamentale all’interno della macchina del progetto.

Il video Contest Riprenditi la Città è un tassello importante nel processo di divulgazione della cultura del progetto della luce.

Il concorso chiede ai tanti giovani videomaker e non solo, sempre più appassionati di questi mezzi, di rappresentare la luce nella sua quotidianità di spazio/tempo attraverso il loro sguardo attento e la loro sensibilità.

Così le città diventano il palcoscenico delle loro riprese video, dei loro racconti, i loro fondali illuminati, le scenografie colorate attraverso cui i giovani potranno narrare le loro storie, le loro piazze, i loro punti di ritrovo, di svago, d’incontro, di lavoro.

I giovani avranno la possibilità di scegliere fra tre diversi modi di raccontare la luce e le città inviando i loro filmati entro il 19 marzo 2016 in una delle tre categorie previste: LUCE E LUOGHI, LUCE E PAROLE, LUCE E AMBIENTE.

I filmati saranno valutati da una giuria formata da esponenti del mondo della luce e della cultura e saranno premiati il 9 maggio 2016 a Bologna nel famoso Teatro Comunale.

I giurati di questa III edizione di Riprenditi la Città, ripernditi la Luce è composta da un panel di eccezione che rappresenta le diverse tematiche del concorso: Margherita Suss, Presidente di AIDI, Marco Filibeck, lighting designer del Teatro alla Scala, Marinella Patetta, lighting designer, Nicoletta Gozo, responsabile per ENEA del Progetto Lumière, Gaetano Capizzi, direttore del Festival Cinema Ambiente di Torino, Alessandro Calosci, produttore cinematografico (tra le sue numerose produzioni ricordiamo anche l’ultimo film di Leonardo Pieraccioni: Il Professor Cenerentolo), Marco Carminati, giornalista dell’inserto culturale “Domenica de Il Sole 24 ORE”, Joachim Ritter, direttore della rivista internazionale Professional Lighting Design, Claudio Bisoni, coordinatore del corso di laurea magistrale in cinema, televisione e produzione multimediale dell’Università di Bologna, Gisella Gellini, architetto e docente di Light Art al Politecnico di Milano e Francesco Marelli lighting designer e rappresentante di una giuria di giovani che farà un primo lavoro di selezione dei filmati inviati dai ragazzi.

Patrocini Riprenditi la Città

I premi (10 in totale) saranno assegnati a quei cortometraggi che metteranno in evidenza la migliore panoramica, estetica, potenzialità emotive e tecniche di illuminazione notturna. Particolare attenzione sarà inoltre data alla qualità della presentazione dei lavori.

Per maggiori informazioni è possibile contattare la segreteria organizzativa all’indirizzo: concorso@aidiluce.it Mariella Di Rao, Responsabile comunicazione per la stampa – mob. 335 7831042

Per ulteriori dettagli visita il sito www.riprenditilacitta.it

Facebook.com/concorsovideoriprenditilacitta

Twitter.com/concorsoaidi

Partecipate numerosi!!