Progettare il progettista a Bari

Lo scorso 30 gennaio, la sala convegni di ACMEI spa a Bari, ha ospitato la terza edizione di Progettare Il Progettista sul tema legato al lighting design secondo gli standard  LEED e WELL.

In una affollata sala, si sono succeduti l’arch. Sandro Paglia dello studio ARIATTA ENGINEERING di Milano che ha illustrato le modalità applicative dei protocolli LEED e WELL e le loro implicazioni connesse al progetto di illuminazione con le loro positive ricadute sulla qualità dell’ambiente costruito.

Il prof. arch. Giovanni Multari, docente di Composizione architettonica presso la facoltà di architettura Federico II di Napoli, ha trattato il tema del progetto di architettura nelle sue molte declinazioni con particolare riferimento al tema della luce. Il restauro del grattacielo Pirelli a Milano, premiato con la medaglia d’oro all’architettura italiana nel 2006, il recupero del mercato coperto di Reggio Emilia ed il nuovo complesso parrocchiale a Dresano (MI), rappresentano tre snodi significativi nell’esperienza dello studio Multari & Corvino e, come evidenziato dall’arch. Multari, pongono una questione rilevante e indispensabile per l’approccio : la cultura del progetto.

È questa crediamo la reale posizione che il progettista deve assumere attraverso una azione consapevole, multi-scalare e multidisciplinare, aperta al confronto e capace di fornire risposte adeguate e di senso alle domande del nostro tempo.

Infine l’arch. Andrea Ingrosso, nostro associato, che dell’incontro è stato anche il moderatore nel suo ruolo di consigliere di APIL, ha illustrato l’evoluzione dell’illuminazione nei luoghi di lavoro nel corso degli ultimi anni ed ha raccontato alla platea il recente progetto di illuminazione per una giovane azienda salentina fortemente concentrata sul rispetto dei requisiti ambientali nell’approccio metodologico richiesto allo staff di progettazione.

Il risultato ottenuto ha evidenziato come, l’importanza della multidisciplinarietà nel controllo del processo progettuale, si traduca in un controllo dei costi di gestione e dei tempi di realizzazione in cui la luce diviene un efficace strumento di comunicazione e valorizzazione dei luoghi di lavoro e delle aree esterne, trasformate in spazi di aggregazione e percorsi alla scoperta dell’arte grazie ad interventi site specific dell’artista Giovanni Lamorgese, capace di combinare il ri-uso industriale ed elementi di biofilia con l’architettura dei luoghi.

L’evento è stato realizzato grazie alla collaborazione con ACMEI, leader della distribuzione elettrica nel Sud Italia e 3F Filippi, leader nello sviluppo di apparecchi di illuminazione per il settore terziario e recente firmatario della CARTA DELLA LUCE promossa da APIL.

Il successo ottenuto in questa prima occasione di confronto in terra pugliese per APIL, sottolineano come l’associazione dei Professionisti dell’Illuminazione abbia da sempre posto al centro dei suoi interessi il dibattito sul ruolo del progetto di illuminazione nello sviluppo della cultura del progetto e la CARTA DELLA LUCE evidenzia il richiamo al ruolo della filiera del progetto di illuminazione secondo i contenuti definiti nella recente norma UNI 11630 sui criteri di stesura del progetto d’illuminazione.

Da oltre 20 anni APIL sostiene, attraverso le sue iniziative, i lighting designers indipendenti e ne promuove il ruolo nello sviluppo coerente della migliore qualità possibile nello sviluppo del progetto di architettura per una migliore qualità dell’ambiente costruito.

PIP extra Bari

Bentrovati, cari colleghi ed amici, vi segnaliamo che, visto il successo delle edizioni 2019 di Progettare il Progettista, stiamo organizzando una versione “extra” del PiP a Bari, sempre sul tema progettazione della Luce secondo gli standard LEED e WELL.

L’evento si svolgerà il 30 Gennaio 2020  presso la sede ACMEI , Triggiano (Ba)

Come per le edizioni degli scorsi mesi, durante la conferenza di Bari verranno approfonditi argomenti relativi agli standard di progettazione definiti in seno ai sistemi di certificazione LEED e WELL, attraverso la presentazione dell’attuale sistema di regolamentazione tecnico e case study, volti a porre in evidenza l’importanza della progettazione della luce integrata, svolta da un lighting designer, assieme agli altri attori presenti nel processo di design dei sistemi.

Per la partecipazione all’evento sono stati richiesti 4 CFP al CNAPPC.

Progettare il Progettista extra  di Bari è organizzato grazie al supporto di ACMEI e 3F-Filippi.

Come iscriversi

Iscriversi all’evento è semplicissimo, basta compilare il form che si trova nella locandina allegata qua di seguito e inviarla a apil@federlegnoarredo.it

Programma dell’evento:

I Parte : Inquadramento normativo

14.00 Registrazione Partecipanti

14.15  arch. Andrea Ingrosso, consigliere APIL. Presentazione e saluti istituzionali

14.30 Arch. Sandro Paglia, Studio Ariatta Requisiti per progettare l’illuminazione secondo le certificazioni LEED e WELL. In un edificio che persegua le certificazioni LEED e WELL i requisiti legati all’illuminazione sono molteplici e possono risultare vincolanti nelle scelte progettuali. Analisi delle “sfide” dei due protocolli a chi progetta l’illuminazione

16.15 Coffee break

II PARTE :  LEED+WELL+LIGHT Case study

16.30 Prof. Arch. G.Multari, Dipartimento di Architettura Università Federico II di Napoli;

Arch. A. Ingrosso, Lighting Designer, Consigliere APIL

Presentazione di case studies in cui la progettazione della luce è parte integrante del processo di progettazione della luce,  finalizzato all’ottenimento dei certificati LEED e WELL.

18.45 Tavola Rotonda

Più nel dettaglio di LEED e WELL.

il Certificato LEED è un sistema volontario, nato grazie a U.S. Green Building Council, e basato sul consenso, per la progettazione, costruzione e gestione di edifici sostenibili ed aree territoriali ad alte prestazioni e che si sta sviluppando sempre più a livello internazionale; può essere utilizzato su ogni tipologia di edificio e promuove un sistema di progettazione integrata che riguarda l’intero edificio.

WELL è invece il nuovo protocollo internazionale appositamente studiato, per verificare (e certificare) il livello di salubrità e di benessere di chi soggiorna e vive negli ambienti costruiti. Questo protocollo pensato per essere applicabile su qualsiasi edificio a prescindere che sia certificato LEED, è un sistema basato sulla misurazione, certificazione e monitoraggio di tutti gli aspetti dell’edificio che possono avere impatto sulla salute ed il benessere degli occupanti. WELL è amministrato dall’International WELL Building Institute™ (IWBI).

Vi aspettiamo numerosi!

Light-Talk-APIL-LED-Nichia

Giovedì 6 novembre sì è svolta, presso la nostra sede in Foro Buonaparte, la mini conferenza dedicata alle innovazioni della tecnologia LED a misura d’uomo.
Una bella serata di confronto, a cui hanno partecipato circa 80 presenti: professionisti che lavorano nel settore dell’illuminazione, design ed architettura,  provenienti da tutt’Italia.

[foto cortesia Claudia Ballerini]

l’evento del 6 novembre scorso era inserito all’interno del nostro format Light Talk, un formato di “mini conferenze” di un paio d’ore, a partecipazione gratuita, durante le quali si dibattono argomenti salienti del momento. Nello specifico della serata, il dibattito ha riguardato alcuni brevetti innovativi dell’azienda giapponese produttrice di LED, Nichia.

Relatori della serata sono stati A. Afeltra di Nichia, che ha presentato alcune caratteristiche tecniche dei brevetti proprietari dell’azienda giapponese:

Optisolis, LED caratterizzato da un’emissione spettrale full spectrum , Vitasolis, che, in previsione dei nuovi standar WELL, risponde in modo ottimale alle esigenze di “HCL Human Centric Lighting” e Ortisolis, per applicazioni di accrescimento orticolo.

Ha moderato la serata il nostro Pietro Palladino, profondo conoscitore della tecnologia LED, che ha saputo veicolare la discussione verso aspetti più specifici di progettazione della luce, ponendo in evidenza alcuni limiti della normativa attualmente in vigore e la relazione che esiste tra buona illuminazione e benessere degli individui che occupano gli spazi illuminati.

A chiusura della serata, dopo un dibattito frontale con i relatori, è stato possibile “toccare con mano” le nuove tecnologie LED Nichia, grazie ai Light Box che abbiamo realizzato grazie al supporto tecnico di Formula Luci Italia e Folio.

Davvero una bella serata di confronto.

header pip napoli 2019

Il 2019 è stato un anno ricco di iniziative ed eventi dedicati alla luce. Noi di APIL non ci fermiamo mai, così abbiamo deciso di organizzare una nuova edizione di Progettare il Progettista a Napoli.

Per chi ancora non lo sapesse Il PiP è una conferenza itinerante , ormai giunta alla settima edizione, durante la quale vengono trattati temi importanti riferiti al settore illuminotecnico.

Quest’anno Progettare il Progettista è intitolato alla progettazione della luce secondo gli standard LEED e WELL.  E così dopo il successo delle date di Milano, lo scorso marzo e Mogliano Veneto, a settembre, via aspettiamo a Napoli per la prossima edizione di Progettare il progettista 2019: LEED, WELL e Lighting Design.

L’evento è organizzato grazie al supporto di 3FFilippi.

Dove e quando:

Progettare il Progettista a Napoli  si volgerà 12 novembre 2019 – NapoliRenaissance Naples Hotel Mediterraneo Via Ponte di Tappia, 25 Napoli.


Per iscriversi basta compilare il form che trovate al seguente link

Programma

Durante la conferenza verranno approfonditi argomenti relativi agli standard di progettazione definiti in seno ai sistemi di certificazione LEED e WELL, attraverso la presentazione dell’attuale sistema di regolamentazione tecnico e case study, volti a porre in evidenza l’importanza della progettazione della luce integrata, svolta da un lighting designer, assieme agli altri attori presenti nel processo di design dei sistemi.

Ecco il programma.

I Parte : Inquadramento normativo

14.00 Registrazione Partecipanti

14.15  arch. Andrea Ingrosso, consigliere APIL. Presentazione e saluti istituzionali

14.30 ing. Maristella Noacco, Studio Ariatta Requisiti per progettare l’illuminazione secondo le certificazioni LEED e WELL. In un edificio che persegua le certificazioni LEED e WELL i requisiti legati all’illuminazione sono molteplici e possono risultare vincolanti nelle scelte progettuali. Analisi delle “sfide” dei due protocolli a chi progetta l’illuminazione

16.15 Coffee break

II PARTE :  LEED+WELL+LIGHT Case study

16.30 Arch. Jacopo Acciaro , Studio Voltaire Lighting Design. Presentazione di un case study in cui la progettazione della luce è parte integrante del processo progettuale finalizzato all’ottenimento dei certificati LEED e WELL

18.45 Tavola Rotonda

Più nel dettaglio di LEED e WELL.

il Certificato LEED è un sistema volontario, nato grazie a U.S. Green Building Council, e basato sul consenso, per la progettazione, costruzione e gestione di edifici sostenibili ed aree territoriali ad alte prestazioni e che si sta sviluppando sempre più a livello internazionale; può essere utilizzato su ogni tipologia di edificio e promuove un sistema di progettazione integrata che riguarda l’intero edificio.

WELL è invece il nuovo protocollo internazionale appositamente studiato, per verificare (e certificare) il livello di salubrità e di benessere di chi soggiorna e vive negli ambienti costruiti. Questo protocollo pensato per essere applicabile su qualsiasi edificio a prescindere che sia certificato LEED, è un sistema basato sulla misurazione, certificazione e monitoraggio di tutti gli aspetti dell’edificio che possono avere impatto sulla salute ed il benessere degli occupanti. WELL è amministrato dall’International WELL Building Institute™ (IWBI).

Ci vediamo a Napoli dunque.