CAM illuminazione pubblica

Buongiorno a tutti, è con piacere che vi segnaliamo che, gli scorsi giorni è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il nuovo Decreto sui Criteri Ambientali Illuminazione Pubbblica, che sostituisce la precedente edizione del 2013.

APIL – Associazione dei Professionisti dell’Illuminazione, ha partecipato attivamente, assieme ad altri, al tavolo di discussione coordinato dal Ministero dell’Ambiente, che ha portato alla stesura finale del documento.

Qua il testo completo del Decreto del 27 settembre 2017

Nel testo del Decreto, tra le tante novità, vi segnaliamo in particolare un’importante modifica volta a distinguere in modo chiaro progetto della luce da progetto elettrico, ai sensi della UNI 11630 Criteri di Stesura del Progetto Illuminotecnico, normativa più volte citata nel testo dei CAM IP 2017.

“Il progetto illuminotecnico comprende aspetti fotometrici, ergonomici ed energetici e per ciascuno di questi debbono essere messe in evidenza le soluzioni adottate e le relative motivazioni. Il progetto illuminotecnico deve tener conto della norma UNI 11630 per quanto conforme alle disposizioni del D.Lgs n.50/2016”

Inoltre, altra nota da porre in evidenza, è la parziale modifica del paragrafo sulla selezione dei progettisti illuminotecnici:

Il progettista illuminotecnico, inteso come colui che redige il progetto illuminotecnico, interno od

esterno all’organizzazione dell’offerente, deve possedere i seguenti requisiti:

deve essere iscritto all’ordine degli ingegneri/architetti o all’ordine dei periti, ramo elettrico o associazione di categoria del settore dell’illuminazione pubblica, regolarmente riconosciuta dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi della L. 4/2013  

In particolare quest’ultimo passaggio in grassetto, è stato mantenuto grazie all’intervento di APIL, che dal 2013 è iscritta alle liste del Ministero come Associazione di categoria di professionisti non strutturati  in un ordine professionale ex L4-2013.

Vi ricordiamo che la nostra associazione è composta da Professionisti che si occupano esclusivamente di progettazione della luce e che vengono rigorosamente selezionati in fase di iscrizione.

Qua come associarsi ad APIL

Oltre a queste caratteristiche, il progettista illuminotecnico deve  dare garanzie di esperienza: ovvero aver svolto negli ultimi 5 anni prestazioni di progettazione o assistenza alla progettazione di impianti di illuminazione pubblica come libero professionista ovvero come collaboratore/associato/dipendente di uno studio di progettazione o società e che tali  prestazioni comprendano uno o più progetti di realizzazione/riqualificazione energetica di impianti di illuminazione pubblica per un numero di punti luce complessivo pari o superiore a metà di quello dell’impianto da progettare.

In grassetto qua sopra le modifiche e principali e conferme dei criteri contenuti nel precedente testo del 2013.

Altra nota da sottolineare, che si allinea perfettamente con lo Statuto, il Regolamento e il Codice Etico di APIL, è l’indipendenza da relazioni commerciali.

Qua Regolamento, Statuto e Codice Condotta di APIL

Si legge nel Decreto:

I progettista Illuminotecnico deve inoltre: non essere dipendente né avere in corso contratti subordinati o parasubordinati con alcuna ditta che produca/commercializzi/pubblicizzi apparecchi di illuminazione o sistemi di telecontrollo o telegestione degli impianti.

Questi sopra solo alcuni dei punti aggiornati nella revisione dei CAM Illuminazione Pubblica 2017, vi rimandiamo ad una lettura completa del testo per maggiori dettagli.

A presto.

 

Progetto d'illuminazione

Buongiorno a tutti, è con orgoglio che vi segnaliamo che, lo scorso 24 di marzo è stata pubblicata in via definitiva la normativa  UNI 11630:2016 sui criteri per la stesura del progetto illuminotecnico, alla cui stesura ha partecipato anche APIL, assieme ad altre associazioni di catergoria.

La progettazione illuminotecnica è da ritenersi un compendio tra arte e scienza capace di illuminare l’ambiente umano.

La norma, che definisce il processo di elaborazione del progetto illuminotecnico e la relativa documentazione, si applica al progetto illuminotecnico degli impianti di illuminazione relativi ai seguenti ambiti:
– ambienti interni quali: ospedali, alberghi, uffici, commerciali, industriali ecc.;
– ambienti esterni quali parchi, giardini, parcheggi ecc.;
– impianti sportivi, in ambienti interni ed esterni;
– impianti stradali;
– impianti architettonici e monumentali, in ambienti interni ed esterni;
– gallerie e sottopassi.

La normativa è  è acquistabile sul sito di UNI store al prezzo di 72,00 Euro + Iva, disponibile sia in formato elettronico, che in formato cartaceo.

All’interno della normativa sono contenuti, come da titolo, definizioni, criteri, procedure ecc per la stesura del progetto d’illuminazione, pubblico e privato: dal concept, all’esecutivo.

Un piccolo passo, ma di grande valore per tutta la comunità di professionisti della luce! voi cosa ne dite?

013

 

Cari soci e colleghi,

Il 30 giugno il nuovo consiglio APIL  mi ha affidato l’incarico di presidente APIL per il prossimo triennio.

Desidero innanzitutto ringraziare il presidente Cinzia Ferrara, che per ben due mandati mi ha preceduto, per tutto il lavoro fatto. Ringrazio anche il consiglio uscente e tutti coloro che hanno ritenuto che fossi la persona adatta a ricoprire questo ruolo.

Il nuovo consiglio  ha competenze e esperienze diversificate ed è fortemente motivato.

L’APIL è oggi una associazione matura e strutturata. Negli ultimi anni  ha raggiunto traguardi importanti ed ha tutte le potenzialità per diventare il punto di riferimento del mondo della progettazione e della cultura della luce. In campo nazionale e oltre.

Le qualità e le potenzialità di APIL, sono rimaste nascoste, discrete,  come dimostra il numero di iscritti  e la sua  concentrazione al nord.  E’ ora di valorizzare e comunicare i vantaggi e la forza di APIL.

Spesso i professionisti si trovano davanti ad un interrogativo: quanto può fare una associazione per i suoi associati? Perché scegliere APIL? La sfida per noi nel prossimo triennio è proprio questa: diventare il punto di riferimento di una comunità ampia, forte, indipendente e professionale che promuova e sostenga la cultura della luce e i suoi soci.

Siamo già al lavoro!

Prima della pausa estiva la traccia del programma verrà inviati a tutti voi.

A nome di tutto il consiglio invio a tutti un caro saluto, aspetto i vostri suggerimenti, consigli e conto sulla vostra partecipazione!

 

Susanna Antico

Presidente APIL

lighting product designWe wish to remember to you the first edition of the high training course, realized in collaboration with APIL (Italian Lighting Professionals) and under the patronage of AIDI (Italian Lighting Association) and GdC-AIC (Color Group – Italian Color Association), will be held in Milan (Italy) in September 2014 with the proposal to introduce the arguments related to Lighting Product Design. The prerequisites to apply to the course are a basic knowledge of electrical engineering (voltage, electric power, electrical resistance, electric current, etc.) and illuminating engineering (luminous flux, illuminance, luminance, inverse-square law, etc.).

 Course period: 10 – 26 September 2014

Duration: 60 hours

Course Director: Prof. Maurizio Rossi

Language: English

 The course faculty is composed by: Maurizio Rossi, Fulvio Musante and Daria Casciani (Politecnico di Milano), Cinzia Ferrara (president of APIL), Pietro Palladino (Studio Ferrara Palladino e Associati),Danilo Paleari and Diego Quadrio (Studio Quantis), Piero Castiglioni (Studio Castiglioni), Giuseppe Migale (IMQ), Marco Angelini (Fraen), Paolo Ceccherini (Philips), Patrick Van Der Meulen (Xicato),Chris Normanshire (Zemax).

 The course goes from fundamentals on radiometry and colorimetry to LEDs constructive principles, chromaticity and dynamic white generation; design and evaluation of optical system, thermal dissipation and power supply; photometric measurement, photobiological hazard, materials and case studies.

 Total cost of the course is € 1180 (VAT 22%). Reduction of 50% for regular students of Politecnico di Milano and APIL members. Reduction of 15% for regular members AIDI and GdC-AIC.

10 scholarships of € 700 available for the current and former students of the lighting design master of Politecnico di Milano since 2004.

For information

Dr. Andrea Siniscalco +39.02.2399.5696 – lab.luce@polimi.it  – www.luce.polimi.it

info: Lighting Product Design