LuminarieE’ Natale, si riaccendono le luminarie. Va benissimo: da sempre i momenti più significativi per una comunità sono accompagnati dall’uso della luce festoso, volutamente esagerato, dal sapore spesso strapaesano.

E vanno benissimo anche quelle iniziative, che pure approfittano del periodo di festività, e che con le prime hanno in comune solo  il materiale “luce”, usato però con ben altra levatura per proporre progetti artistici e culturali.

Va tutto benissimo, purché le cose siano chiare.

Se si comincia a barare sulle parole, e si cerca di spacciare per arte ciò che invece è solo una luminaria più astrusa (e più costosa), si rende un pessimo servizio alla cultura, ingenerando una confusione di cui francamente non sentiamo il bisogno.

E una confusione ancora maggiore si provoca se, all’intreccio delle definizioni, si aggiunge anche l’attività che noi svolgiamo ogni giorno: cioè la progettazione della luce, non per una installazione o per una festa, ma per tutti i giorni.

 Che, per carità, non è una cosa più nobile, ma certamente è una cosa diversa.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.