Lighting-Perspectives-L-B

L’International Association of Lighting Designer, IALD, ha annunciato una serie di conferenze dal titolo “IALD Lighting Perspectives”, organizzate durante la fiera Light+Building 2016, che si svolgerà tra un mese esatto a Francoforte dal 13 al 18 Marzo. Il programma di due giorni di conferenze affronterà argomenti che spazieranno da esempi di successi professionali agli ultimi sviluppi tecnologici nel campo dell’illuminazione. Noi di APIL saremo presenti, assieme a IALD in occasione del convegno, durante il quale parlerà Cinzia Ferrara, socia APIL e past president APIL, con una presentazione dal titolo “Lighting Design in Italy: is something changing?” concentrandosi sui temi della globalizzazione della professione, che sta aprendo nuove prospettive ai lighting designer italiani. La conferenza parlerà anche di un’analisi e di un sondaggio sul mercato italiano, spiegando come i lighting designer italiani affrontino le molteplici sfide della professione. Cinzia Ferrara racconterà la sua professione, i suoi lavori, le difficoltà affrontate durante il suo percorso professionale e le prospettive future.

Tra i relatori delle conferenze sarà presente il presidente dell’associazione IALD, Víctor Palacio, con una presentazione intitolata “Perspective on the future of lighting design “, condividendo informazioni ed opinioni sui possibili scenari futuri della professione nei prossimi anni. Anne Bureau, invece con la sua presentazione intitolata “ACE, twenty years in french lighting design development”, si concentrerà sugli degli obiettivi dell’associazione francese, così come sugli interventi e le collaborazioni che si sono sviluppate negli ultimi decenni. La conferenza “Spanish lighting design: a case of success”, di Rafael Gallego, sarà incentrata sulla tradizione e la storia del design spagnolo, comprendendo il gran numero di architetti e specialisti di fama spagnoli. Gerd Pfarré e Andreas Schulz presenteranno “A private public talk: an inside view of their practices”, in cui si discuterà sullo sviluppo del ruolo di lighting designer negli ultimi decenni in Germania. Esporranno le loro opinioni sulla creatività e sui valori del lighting designer con esempi tratti dalle loro esperienze professionali. Parallelamente al convegno, nella  “The Designer Lounge”, verrà esposto il lavoro di Liz West “Your Colour Perception”.

“IALD Lighting Perspectives”, è un’opportunità per restare in contatto con lighting designer di fama mondiale. Le presentazioni avranno durata di circa un’ora e saranno gratuite per i partecipanti di Light+Building.

 

APIL ripensa ricicla rilighting

È noto il potere che ha la luce, la capacità di trasformare lo spazio senza cambiarlo fisicamente contribuendo al benessere psicofisico delle persone che fruiscono gli spazi. In realtà tutti “subiscono” la luce artificiale progettata o no nei luoghi in cui abitiamo, i più fortunati vivono sotto una buona luce e i meno sotto una sgradevole percezione dello spazio. La valenza sociale della luce rimane dominio di pochi, il lighting designer lavora per committenze agiate; chi oggi può  pagare anche la parcella a un altro professionista nella complessa filiera della ristrutturazione ambientale?

Alla luce di  queste considerazioni Apil ha deciso di lanciare una nuova importante iniziativa dal titolo:

 ri-pensa, ri-cicla , re-lighting

I soci Apil segnalano sul territorio Italiano delle possibili opportunità di spazi e realtà emarginate dove la committenza difficilmente potrebbe pagare la consulenza di un progettista di luce, in cui però, la straordinaria atmosfera che la luce può creare, apporterebbe al luogo un enorme beneficio umano.

Progetto a Meina

L’area di intervento individuata qurest’anno, su proposta del Consigliere Arch. Bianca Tresoldi,  è l’ ex circolo di Meina (NO), donato dal Comune alla AGBD, Associazione Genitori. Bambini Down.

Si tratta di un bar ristorante gestito dai ragazzi down che hanno frequentato i laboratori di scuola alberghiera dove Apil andrà a intervenire gratuitamente per la realizzazione del  progetto  di illuminazione.

Il progetto luci è urgentissimo perché il cantiere è già aperto ed entro la primavera i ragazzi apriranno  il bar quindi serve definire in brevissimo tempo dove far fare i punti luce all’impiantista che come noi dona la sua opera gratuitamente all’associazione.

A questo proposito APIL cerca  soci o simpatizzanti (giovani e meno giovani lighting designers) che abbiano voglia di fare squadra e confrontarsi con un progetto dove si utilizzerà “quello che c’è” e “quanto ce n’è” dimostrando l’importanza del progetto e valorizzando  la figura del lighting designer.
Iscrizioni presso apil@federlegnoarredo.it
Senza apparecchi però non si fa nulla! APIL cerca aziende che nello spirito del riciclo di tecnologie ancora funzionanti ma rese obsolete dal mercato vogliono disfarsene in maniera utile e sostenibile.
Le aziende interessate possono scrivere ad apil@federlegnoarredo.it per avere maggiori informazioni sul progetto e capire le modalità di  contribuzione.

Vi aspettiamo numerosi!!!