PLDC2017

Come diventare ricchi (dentro) con il lighting design.

PIL vi invita Martedí 5 dicembre dalle ore 17.30 alle ore 19.00, al Light Talk  dal titolo:

Come diventare ricchi (dentro) con il lighting design: Spunti, idee e riflessioni di ritorno dal PLDC di Parigi

Ogni due anni sempre più professionisti dell’illuminazione, architetti  e aziende  si incontrano per quasi una settimana di seminari, convegni, workshop, cene, bevute, feste, premi alla Professional Lighting Design Conference (PLDC).

Abbiamo organizzato un Light Talk di confronto tra  professionisti e aziende che hanno partecipato a PLDC, che si terrà presso la sede APIL Sala Armellini in Foro Bonaparte 65 a Milano , il 5 dicembre.

Le spese da affrontare per partecipare alla conference sono parecchie. Se paga di tasca propria, un professionista spende circa 1.200,00€, se si va come relatori, la spesa scende a circa 300,00€. Le aziende spendono una cifra che parte da circa 8.000,00€ fino a  cifre molto più consistenti, suddivise tra sponsor silver, gold e platinum. In 10 anni di attività PLDC si è tenuta a Londra, Madrid, Berlino, Copenaghen, Roma e Parigi.  Ad ogni edizione, impermeabile alla crisi, la conferenza attira professionisti da tutto il mondo. Quest’anno, a Parigi, ci sono stati più di 2.000 partecipanti. Da PLDC si torna carichi di entusiasmo, di idee, di voglia di fare ma anche di perplessità, cosa succede a PLDC?

Un appuntamento a cui comunque molti progettisti  e molte aziende non vogliono rinunciare. Durante  il Light Talk, il consiglio APIL metterà a confronto professionisti e aziende che hanno partecipato a PLDC e  proietterà  il manifesto per la professione presentato dall’associazione francese ACE.

La partecipazione è gratuita ma  i posti sono limitati, è necessario iscriversi inviando una mail con nome cognome e professione a  Apil:  apil@federlegnoarredo.it

 A chiusura della serata un brindisi di auguri gentilmente offerto da UL International Italia

Vi aspettiamo numerosi!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *