Articoli

lumiere EneaSi è tenuto a Belluno lo scorso 11 aprile presso la Sala Bianchi “Eliseo Dal Pont”, la seconda giornata formativa sull’efficienza e la managerialità nella gestione dell’illuminazione pubblica organizzata da ENEA Lumière – AIDI, Provincia di Belluno, Interreg IV e Regione del Veneto, con  il patrocinio di APIL, ASSIL e CRIET.

All’incontro ha partecipato, come relatore APIL, il nostro socio Giovanni Antonio Albertin, esponendo il delicato tema del censimento degli impianti basato su un approccio multidisciplinare e la sua integrazione con le tecnologie smart al fine di operare una migliore qualità dei servizi di monitoraggio e gestione degli impianti e dei servizi per l’utenza.

Nell’area riservata ai soci è disponibile la relazione dell’ing. Albertin

v. programma LUMIERE Belluno

 

stats20130928

Cari lettori, siamo felici di comunicarvi di aver raggiunto quota 200.000 visite esattamente al compimento del nostro secondo anno di vita. Ne siamo orgogliosi e soprattutto vogliamo ringraziare tutti coloro che con articoli, commenti, suggerimenti e sostegno morale ci hanno aiutato a raggiungere questo risultato. Oggi APIL blog conta ogni mese circa 14.000 contatti  e 35.000 pagine viste  con prevalenza di navigatori dall’Italia, ma riceviamo costanti segnali di interesse anche da USA, Francia, Belgio, Spagna e Germania.

Quale sarà il nostro futuro? Cosa diventerà APIL? Come miglioreranno l’aggiornamento ed i rapporti informativi  tra i lighting designers italiani? Il web sarà sicuramente uno dei nostri punti di forza in futuro e l’APIL ed il suo consiglio stanno già lavorando per questo. Oggi  APIL è l’unica associazione di categoria professionale di lighting designers riconosciuta dal Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della L. 4/2013; partecipa ai tavoli di lavoro con ENEA ed altri soggetti per lo sviluppo del programma LUMIERE per l’illuminazione urbana; ha collaborato alla stesura dei CAM (Criteri Ambientali Minimi) del Ministero dell’Ambiente per l’illuminazione pubblica; parteciperà al gruppo di lavoro UNI sulla progettazione illuminotecnica ed ha sviluppato un protocollo etico per la definizione dei rapporti contrattuali con il committente; mantiene viva l’attenzione su questioni inerenti la professsione attraverso lo scambio con altre associazioni (v. progettare il progettista); i convegni su certificazione LEED e su luce verticale al MADE expo; gli incontri di aggiornamento presso le aziende di produzione a tante altre novità per gli associati.

Vi sembra poco  ???

Andrea Ingrosso